Mostre, News

THE OTHER SIDE OF THE INK

Di Danielle Marie Hurren

Se le donne tatuate sono punk rock o radicali, allora lo sono solo nel senso che l’arte sulla loro pelle brandisce una narrativa e una storia non discrezionale, e quindi in contrasto con la femminilità tradizionale, che merita davvero il suo evento individuale, separato dalla principale convention di tatuaggi di maggio a Roma. La mostra di tatuatori per sole donne di Roma, giunta al suo secondo anno consecutivo e che ha avuto luogo lo scorso fine settimana alla Fiera di Roma, ha offerto un primo esempio del modo in cui è la roccaforte dell’essere aperta con storie e auto-narrativa che dà al corpo inchiostrato l’apparenza di forza. E che nella cultura alternativa l’inchiostro per il corpo è stato troppo spesso frainteso come machismo.

Il fatto è che non è affatto un talento macho, la forza necessaria per raccontare la tua storia. È la forza che serve per possedere tutto di te, e un po’ di tendenza nell’l’esibizionismo, lo stesso di quello che è capitalizzato dall’arte delle strade. Eppure, naturalmente, tatuare la pelle non è lo stesso dell’atto di scrivere su un muro urbano, perché è la pelle stessa qui che gioca un ruolo chiave nell’uso di uno spazio vuoto per catturare la tua voce. E inchiostrare la pelle è come un graffito sull’esterno della tua casa. E poi sapere che vivrai per sempre con esso. Questione abbastanza contraddittoria con il modo in cui il decoro e la modestia sono stati a lungo l’obiettivo più alto nell’arte di essere femminile.

E questo è ciò che ha sempre mantenuto l’arte del tatuaggio in contrasto con la cultura femminile tradizionale che ha richiesto bellezza e discrezione. Perché mentre la body art può certamente essere bella, non è discreta. Invece, ciò che è, è una copertura gloriosa e contraddittoriamente immodesta di pelle e corpo. E sia che ciò avvenga nel design di geometrie o personaggi cinematografici, sia nei disegni di fiori, le opere d’arte sul corpo che sono state tatuate durante la mostra di due giorni sono state il lavoro e il design di donne per donne.

Jessica Verza

E così, hanno sicuramente mostrato in modo abbastanza brillante come il femminile possa essere espresso nel disegno di un fiore rosa tatuato sul braccio di una donna durante la mostra di due giorni. Il disegno, dell’artista Jessica Verza, anch’essa artista di origine romana, era l’immagine di una rosa con inchiostro, bianco e nero e monocromatico sulla pelle di una donna e faceva sembrare la rosa stessa una controcultura. Una contro rosa, in genere una delle immagini più iconiche della femminilità, diventa radicale apparendo sulla pelle.

Ed è qui che l’intera cultura dell’inchiostro è stata resa femminile, non perché qualcuno abbia scelto l’immagine di una dolce rosa dalla sezione femminile del libro dei tatuaggi, ma perché era il corpo femminile stesso ad essere tatuato. E un’artista stessa che stava facendo il tatuaggio. Eppure, naturalmente, il design stesso da vedere in tutta la mostra era opera di artiste femminili e, come tale, si occupava di temi femminili.

Simona Petrux

L’opera d’arte ha mostrato il modo in cui l’autoespressione può essere inibita in un modo unicamente femminile, come nell’opera d’arte delle fasi lunari mentre scorrono lungo la schiena di una donna. Iniziando con la luna nuova che cresce mentre cresce verso il pieno e poi cala; la rappresentazione di un corpo planetario che ha un grande effetto sul corpo di una donna.

Pertanto, ciò che di “The Other Side” di Roma offriva era un’occasione unica per vedere l’altra parte di una cultura alternativa che in precedenza era stata in qualche modo monopolizzata a causa di un malinteso che il coraggio di tatuare il corpo fosse una spavalderia e qualcosa di un mondo appartenente all’uomo; connesso alla forza e al potere maschili. Piuttosto, l’evento è stato davvero lì per dimostrare come, in definitiva, essere una persona coinvolta nell’arte del tatuaggio sia considerare la decorazione del corpo una superficie da esplorare. Proprio come uno Street Artist considererebbe le superfici della città una tela, così la body art capisce che la pelle è la tela del corpo; non solo un luogo di funzionalità, ma un ambiente, un luogo in cui audacia con auto-narrazione e una capacità davvero forte di mostrare ciò che ami e che sei.

E così, mentre le donne possono rappresentare un altro lato di questo, alla fine non sono dall’altro lato della capacità di usare e amare questo spazio vuoto del corpo per rappresentare se stesse e avere la spavalderia di essere opportuniste con le vocalizzazioni, di usare la pelle come uno degli spazi vuoti su cui si può facilmente esprimere.

A BUNCH OF PHEASANTS

  • Autore: Lucamaleonte
  • Data di pubblicazione: 2017
80,00

CRASH KID | A HIP HOP LEGACY

  • Autore: Napal & Ben Matundu
  • Formato: Softcover
  • Pagine: 320
  • Data di pubblicazione: 2019
  • Lingua: Inglese, Italiano
70,00 60,00

LA PORTRAITS

  • Autore: Estevan Oriol
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 136
  • Data di pubblicazione: 2013
  • Lingua: Inglese
50,00

THIS IS LOS ANGELES

  • Autore: Estevan Oriol
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 224
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Lingua: Inglese
80,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *