Eventi, News

THE METEORIC RISE OF HIP HOP

Mentre Sotheby’s prepara la prima grande asta internazionale mai incentrata sull'hip hop, Greg Tate spiega come un movimento nato nelle comunità più povere d'America sia diventato un centro di influenza culturale

L’hip hop era destinato a gettare lunghe ombre sul panorama culturale del 21° secolo. Come le forme d’arte popolari nere che l’avevano preceduta e ispirata – blues, jazz, rock and roll, soul, funk e disco – l’Hip Hop si è posizionato dagli estremi margini razziali e sociali della nazione al mainstream commerciale. In quanto fenomeno artistico multidisciplinare, l’Hip Hop ha anche realizzato qualcosa senza precedenti nella storia culturale dei neri: l’arte visiva del movimento – variamente nota come “graffiti della metropolitana” o, più formalmente, “writing” all’interno della comunità Hip Hop – ha raggiunto le gallerie internazionali prima dell’aspetto musicale. I pittori contemporanei celebrati dell’insurrezione dell’hip hop, come Fab 5 Freddy, Lee Quiñones, Lady Pink, Kool Koor, Rammellzee, Futura 2000 e Blade, sono passati dalle linee ferroviarie della città alle gallerie di SoHo, Bronx e Lower East Side ottenendo un significativo riconoscimento. La maggior parte ha sostenuto carriere e mecenatismo nel mondo dell’arte nei decenni successivi.

Jean-Michel Basquiat, Street Art, Graffiti, Hip Hop

(Sinistra) Jean-Michel Basquiat Nel 1981, Foto: Marka / Alamy Stock Photo (Destra) Jean-Michel Basquiat Rammellzee Vs. K Rob, “Beat Bop”, Tartown Record Co.

Jean-Michel Basquiat non è mai stato un writer, ma è stato un amico, compagno di discoteche e collaboratore creativo con molti dei suddetti – e l’abbraccio della sua carriera da parte dell’élite delle gallerie di New York si è unito ai suoi coetanei generazionali (anche se non allo stesso modo, dato che presto divenne l’artista nero di maggior successo nella storia americana e uno degli artisti più acclamati della sua generazione indipendentemente dall’etnia).

Sugarhill Gang

Side A di una delle prime stampe del vinile usa da 12 pollici del singolo “Rapper’s Delight” di Sugarhill Gang

Gli ingredienti artistici fondamentali dell’Hip Hop erano fermentati nel South Bronx (e subito dopo a Brooklyn e Harlem) dall’inizio degli anni ’70 – coreografia rap, turntabling, breakdance e boogie elettrico – che, insieme al writing, formavano i quattro elementi della Cultura hip hop. Non molto tempo dopo, il tutto è entrato nella conversazione comune, nel mondo della musica e nell’uso giornalistico attraverso Afrika Bambaataa e la Zulu Nation, un’organizzazione con sede nel Bronx che è quanto di più vicino a un’istituzione artistica ufficiale dell’Hip Hop.

L’uscita nel 1979 del singolo “Rapper’s Delight” di The Sugar Hill Gang con la Sugar Hill Records ha aperto la strada al rap registrato in studio sulla radio americana top-40. Ha venduto due milioni di copie negli Stati Uniti, è arrivato al numero quattro nella classifica Hot Soul di Billboard e al numero 38 nella sua Hot 100, e ha incassato per la Sugar Hill Records $ 3,5 milioni.

Dereck Ridgers, Run DMC,

Derek Ridgers, RUN D.M.C, Lower Broadway, NYC, 1988

Nel decennio successivo una serie di artisti iconici ha creato uno stuolo di singoli storici per la creazione di grafici, tra cui Kurtis Blow, Grandmaster Flash and the Furious Five, The Fearless Four, Rammellzee e K-Rob (prodotto da Jean-Michel Basquiat) , Roxanne Shante, Kool Moe Dee, Salt-N-Pepa, Heavy D and The Boyz, MC Lyte, Run-DMC, LL Cool J, Big Daddy Kane, Queen Latifah, Eric B & Rakim, Too Short, Beastie Boys, Public Enemy, 2 Live Crew, Chubb Rock, Boogie Down Productions con KRS-One, De La Soul, Geto Boys, NWA, Ice Cube, A Tribe Called Quest, X Clan, Black Sheep, Brand Nubian e Cypress Hill – per citarne alcuni. In quell’arco di 10 anni sono stati prodotte così tante canzoni e album memorabili e magistrali che l’era ha ottenuto il riconoscimento della “Golden Age” dell’hip hop.

Janette Beckman, Salt-N-Pepa, 2017

Janette Beckman, SALT-N-PEPA, 2017, stampa serigrafica, variazione in giallo

Nel corso di questa Golde Age, l’Hip Hop si è affermato come influencer dominante sulla cultura giovanile globale in termini di lingua, musica, moda e arte visiva, in particolare il movimento di “Street Art” visibile nell’Europa contemporanea e nel Sud America.

L’Hip Hop ha realizzato qualcosa senza precedenti nella storia culturale dei neri: l’arte visiva del movimento ha ottenuto il plauso delle gallerie internazionali.
A New York, l’Hip Hop si è anche allineato con l’attivismo della comunità nera, protestando contro il razzismo sistemico, la brutalità della polizia e dei vigilanti razzisti, il crack, la guerra tra gang e l’apartheid sudafricano.

La musica rap prodotta negli anni ’90 si è dimostrata valida nel sostenere ed espandere la popolarità, la ricompensa finanziaria e il profilo artistico del genere, specialmente attraverso lo sviluppo dell’industria della musica pop e l’ascesa video di talenti superstar come Nas, Dr Dre, Snoop Dogg, DMX, The Pharcyde, The Notorious BIG, 2Pac Shakur, Lil ‘Kim, Jay-Z, Eve, Eminem, OutKast, Goodie Mob, The Roots, Fugees, Black Star con Talib Kweli, Mos Def e Lauryn Hill.

Jay-Z,

Jay-Z nel 2003. Foto di Mikael ‘Mika’ Väisänen

Gli anni ’90 hanno visto l’ethos creativo dell’Hip Hop e l’estetica della produzione infiltrarsi e influenzare la musica prodotta dai cantanti R&B contemporanei: Mary J Blige, Soul II Soul, Erykah Badu, Bobby Brown, D’Angelo e Jill Scott in testa. In quel decennio i produttori di moda, le aziende automobilistiche, i marchi di liquori, i produttori di bevande analcoliche e gli industriali di elettronica hanno iniziato a stipulare importanti accordi con vari rapper. Il marketing secondario e la vendita di beni al dettaglio controllati dall’Hip Hop si sono misurati fino a quello che è stato stimato, a metà degli anni ’90, essere un fenomeno di profitto multimiliardario – derivato da un movimento artistico che ha guadagnato notorietà per la prima volta 20 anni prima come intrattenimento improvvisato e gratuito per i giovani brillanti, ambiziosamente prolifici ed energici di alcune delle comunità urbane più povere d’America.

Qui, nei primi due decenni del 21° secolo, l’arguzia verbale dell’hip hop è onnipresente nel rock and roll del nostro tempo: i social media. Lo streaming di Hip Hop / R & B (ormai praticamente un genere) domina oggi le vendite di musica.

Le star della musica rap degli anni ’90 come Diddy, Jay-Z, Dr Dre e Kanye West sono ormai miliardari, secondo Forbes. Non dalle vendite trascurabili del pre e del post-millennio, ma dalla suprema esperienza nel commercio del loro carisma Hip Hop e degli interessi di produzione multinazionali. Dipinti di Basquiat all’asta per $ 100 milioni; quelli dell’attivista di street art influenzato da Basquiat e dalla metropolitana, Banksy, costano 1 milione di dollari l’uno.

L’aura virale di soggetti e oggetti che portano la traccia dell’Hip Hop non potrebbe essere più manifesta, seducente e desiderata nella nostra epoca incorniciata dalla pandemia parallela al Black Lives Matter.

L’hip hop sarà visibile su appuntamento da Sotheby’s New York dall’11 al 15 settembre. Asta: 15 settembre.

A WAH DO DEM

  • Autore: Boogie
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 128
  • Data di pubblicazione: Febbraio 2016
  • Lingua: Inglese
50,00

CRASH KID | A HIP HOP LEGACY

  • Autore: Napal & Ben Matundu
  • Formato: Softcover
  • Pagine: 320
  • Data di pubblicazione: 2019
  • Lingua: Inglese, Italiano
70,00 60,00

THE STREET IS WATCHING

  • Autore: Artisti Vari
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 440
  • Data di pubblicazione: Maggio 2017
  • Lingua: Inglese
100,00

THIS IS LOS ANGELES

  • Autore: Estevan Oriol
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 224
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Lingua: Inglese
80,00

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *