News

STREET ART E POLITICA

Quando iniziamo a vedere che in realtà c’è poca separazione dell’arte stessa dal quotidiano, che l’arte è prolifica e la sua prolificità non è danneggiata, ma in realtà incoraggiata solo dalle strade secondarie e dalle grondaie e da tutto quel casino della città, è allora comprendiamo appieno il mondo della Street Art. Perché le strade stesse ci forniscono innumerevoli spazi da usare come gallerie e mostrando così che la funzione e l’arte non sono due caratteristiche reciprocamente esclusive. Quindi, possiamo riconsiderare il marciapiede, il cemento e le strade stesse alla luce di tutto ciò.

Greta Thunberg, MrDheo, Parizone, Instanbul, Steet Art

C’è una tale comunanza tra lo scarabocchio di graffito antifascista e un segno che ci chiede in termini inequivocabili di considerare se la razza umana di questo pianeta sia una malattia o meno – un segno che visto mentre veniva sollevato sopra la testa di un manifestante venerdì scorso a Roma, nell’ambito della manifestazione sul cambiamento climatico. E Greta Thunberg, emblema di questo movimento, è anche un volto che si ritrova generalmente nella folla. Se non di persona, come è stato durante l’ultima manifestazione di protesta di aprile, allora sicuramente si trova la immagine su una varietà di poster o manifesti.

La stessa protesta ha offerto una grande opportunità per centinaia di giovani di presentarsi in una città con un senso del contesto palese che la strada può dare alla propria espressione politica. E questa voce appariva sia visivamente che scritta su poster, con slogan come “Io uso l’autobus e tu?” . Tutto ciò ha funzionato a fondo per distruggere qualsiasi mito sull’apatia politica giovanile.

Hunting Pollution, Federico Massa, Iena Cruz, Rome, Street Art, 2018

Non si deve parlare di mancanza di cura, in particolare se si considerano le caratteristiche simili esistenti tra Street Art e protesta. Per cominciare, sia che questa protesta politica stia accadendo sotto forma di un murale su un muro esterno, sia che si tratti di una massa di corpi che hanno marciato venerdì tra Piazza Venezia e Piazza del Popolo, è davvero una totale arbitrarietà fare distinzione tra strada e arte.

Aladin, Street Art, Rome, 2015

Possiamo vedere una grande coscienza politica attraverso i commenti e gli slogan che troviamo nella cultura dell’arte di strada di Roma. Sia che si tratti di BLU sulla nave industrializzata sulla parete esterna di un palazzo nel quartiere Ostiense, o sulle maschere antigas di Aladin. O persino di Federico Massa, Hunting Pollution, dove non sono solo le idee a cercare di sradicare le realtà tossiche sociali, politiche e ambientali, ma dove persino la vernice stessa è in grado di neutralizzare le tossine nell’aria inquinata di Roma.

Blu, la caserma dipinta, Rome, 2015

Eppure, nonostante l’esistenza di questi artisti politicizzati, non si può sostenere che nessuno di loro si collochi più in alto come un’opera d’arte politica, rispetto a un gruppo di giovani, riuniti nelle strade. Ragazzi i cui blu e verdi di pianeti disegnati da sé, sollevati su cartelli di cartone e accanto a slogan con la direzione di “rispettare tua madre”, ci hanno ricordato un Rembrandt urbano.

Quindi, ci godiamo il dono di quella fantastica caratteristica amorfa del genere Street Art, che ci aiuta a vedere le installazioni dinamiche a più livelli dello spazio urbano. Non puoi mai definire l’arte come una cosa sola all’interno delle strade della città.

Alla fine, la presenza di questa Street Art politicizzata a Roma, indipendentemente dal fatto che si tratti di un dipinto o di una marcia, esiste a causa della consapevolezza del fatto che, se i muri e le strade sono stati politicizzati, allora lo sono anche le persone. È questo senso che ci aiuta a vedere quale spazio funzionale della galleria può essere fornito dalle strade. Ed è anche questo che, quando stiamo valutando l’opportunità di proteste artistiche, siamo portati a guardare tanto nelle nostre piazze e nelle nostre strade, quanto nelle pareti dei nostri spazi industriali. È questa una delle cose eccellenti della voce forte della Street Art. Il fatto che sia con una voce tale che essa mandi arbitrarie distinzioni tra l’arte e la quotidianità in viaggio lungo la strada e quindi le opportunità di protesta sembrano infinite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *