Interviste Drago

INTERVISTA CON WK

A quelli di voi che si son trovati a girovagare per New York, vi potrebbe essere capitato di imbattervi in murales in bianco e nero collocati in luoghi inaspettati. Questi pezzi esemplificano il movimento impresso sul più immobile dei luoghi: un muro. Recentemente, mi sono ritrovato a fissarne uno - questa volta di tipo virtuale interattivo: lo schermo del mio computer. Pronti a parlare con l'artista WK, l'architetto di quelle affascinanti opere d'arte che mi riportano a New York.

di Valentina Di Donato

WK (noto anche come WK Interact), nato a Caen, in Francia, è insediato a New York dai primi anni ’90. Il suo lavoro è fortemente influenzato dall’ambiente circostante, e diventa site-specific, e le immagini che usa sono ispirate dall’ambiente, dall’architettura, dalle persone e dall’atmosfera della zona. Da sempre affascinato dal movimento del corpo umano, ha sviluppato una certa padronanza nel catturare l’energia nelle sue immagini fisse. Il suo metodo richiede la manipolazione di un disegno originale o di una fotografia mentre viene fotocopiato. Il risultato finale è un pezzo in bianco e nero che racconta una storia che trasuda potere e forza.
Quando mi sono seduto per parlare con WK, ho acquisito familiarità con il suo processo, ciò che lo ispira e la sua storia d’amore con New York City.
WK, l’autoproclamatosi “newyorkese francese”, mi ha parlato del viaggio che ha rivoluzionato il suo approccio come artista: “Avevo 17 anni quando ho vissuto per la prima volta a New York: ha avuto un tale impatto, che è stato come se mi avesse pugnalato e non mi avesse mai lasciato, nemmeno quando sono tornato nella mia piccola cittadina francese. Ho deciso di creare qualcosa che desse lo stesso tipo di impatto che New York aveva avuto su di me. Questa è una città che non dorme mai, che non si ferma mai, una città molto bianca e nera, fredda e calda. Quel viaggio ha completamente ridefinito qualcosa in me. “La sensazione, l’aspetto e la grinta della città sono il fulcro della sua estetica e l’esatto contrario del suo paese natale, nel sud della Francia, “nulla del mio lavoro è riconducibile alla Francia, i colori, la paura, la lotta non è francese. Sono cresciuto in un posto che è stato gentile e caloroso. ”
L’approccio di WK è stratificato e sfumato sia nella tecnica che nella profondità – e le sue idee, fin dall’inizio della sua prolifica carriera, hanno forzato i confini anche all’interno della comunità artistica. “Mi sono seduto e ho pensato alla direzione in cui volevo muovermi e dove sarei dovuto andare poi con il mio lavoro. Ho pensato di lavorare con marchi, sport, interagire di più con il pubblico, lavorare con culture diverse e raggiungere le diverse generazioni. Penso che sia la cosa più importante in termini di street art. Uso le strade come un’installazione per la mia arte, come un’attrazione per il pubblico, e in definitiva interagisco con loro. ”
L’anima di una città è stata spesso vista attraverso l’architettura locale, ma è sempre più il caso che quelle stesse mura della città siano diventate la tela dell’artista. “Mi sono sempre chiesto perché dovevi pagare per entrare in un museo, credo che le opere dovrebbero essere visibili gratuitamente, è per questo che mi piacciono le strade, sono per tutti.” WK crea le circostanze per le persone di vivere realmente le sue opere di arte – da qui il suo nome WK Interact.

Wk Interact Interview

La transizione dell’arte e chi ha accesso ad essa, è cambiata drasticamente nell’ultimo decennio grazie alla tecnologia e alla conseguente democratizzazione dell’arte, “La tendenza è cresciuta così tanto che anche gli artisti che erano storicamente nelle gallerie hanno detto ‘Vaffanculo! – Vado a dipingere per strada come quegli idioti “. Così la cultura di strada è passata da pochi artisti a centinaia di migliaia di artisti. Editori di libri, gallerie, musei e le persone che gestivano questi ambiti, gli uomini ben vestiti con i sigari, si resero conto che avevano dei problemi, il modello è cambiato. Folle giovani si stanno affacciando sulla scena, la musica sta cambiando, il marchio è cambiato, i musei stanno cambiando – ora si stanno dicendo tra sé e sé, facciamo entrare queste persone alternative, e facciamo in modo di rendere le persone entusiaste di venire nei nostri spazi. Questo è successo negli ultimi 15 anni, il mondo della vecchia scuola è stato preso a calci e non erano preparati per questo. “L’arte di strada è dirompente per natura, è nata così. Nell’era in cui essere un fattore di cambiamento ti rende anche un creatore di tendenze, sembra che questi artisti avranno un nuovo posto al tavolo. WK ne è un esempio, ha collaborato con altri artisti di strada urbani come Shepard Fairey in ‘”East vs. West Propaganda Project “e grandi aziende come BMW, Adidas, Nike e atleti come Kobe Bryant, mescolando la scena di strada con la scena commerciale.

Nonostante la storia di successo di WK in America, l’artista autodidatta che ora vanta un successo che molti artisti potrebbero solo immaginare di raggiungere, è nostalgico del passato. “Le persone oggi mi dicono, wow, ce l’hai fatta, ora stai lavorando con grandi marchi, ma la fase migliore per me è stata quando lottavo con la mia bici rubata, quando usavo la pittura avanzata, prendendo in prestito un proiettore e mi svegliavo alle 5 del mattina, questo è stato il momento migliore per la mia arte. Quando improvvisamente hai successo, hai soldi, spazio, hai la tendenza a stare comodo. Non hai più bisogno di spingere e lentamente il tuo lavoro muore un po’. ”
Mi chiedevo, c’è un rimedio per questo? Come procedi nel raggiungere il tuo successo definitivo e nel mantenerlo? “Come artista tendi a guardare ciò che le persone hanno fatto in precedenza. Ma la cosa interessante è che per lo più hai bisogno di guardare dentro te stesso, devi guardare dentro te stesso in profondità. Mettere in discussione te stesso, i tuoi pensieri, idee, sogni, speranze: devi raggruppare tutto questo insieme, devi sapere perché sei capace di fare cose che gli altri non sono in grado di fare o perché gli altri possono fare cose che a te non riescono – che cosa ti sta trattenendo. Penso che la parte più bella di vivere su questo pianeta non sia necessariamente solo quella di scoprire cosa ti renderà famoso e conosciuto, ma è quel momento decisivo di duro lavoro e di lotta che alla fine ti fa avere successo. Questo è il periodo migliore per un artista. ”

Vai al sito web di WK

2.5 New York Street Life WK Interact 36 Chambers Drago

2.5 NEW YORK STREET LIFE

  • Autore: WK Interact
  • Formato: Softcover
  • Pagine: 96
  • Data di pubblicazione: 2009
  • Lingua: Inglese
20,00
k interact act 4 drago cover

WK ACT 4 / 25 YEARS

  • Autore: WK Interact
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 320
  • Data di pubblicazione: 2014
  • Lingua: Inglese
40,00

WK ARTWORK – 1

  • Autore: WK Interact
  • Data di pubblicazione: 2017

WK GEAR

  • Autore: WK Interact
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 148
  • Data di pubblicazione: Maggio 2016
40,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *