Interviste Drago

INTERVISTA CON GREG JAGER

Alla mostra di Fendi di questo mese, Drago ha intervistato Greg Jager, l'artista visivo romano che ha iniziato con i graffiti, ma ora è conosciuto principalmente per la sua estetica geometrica.

di Rory O'Keeffe

Potresti descrivere il tuo lavoro e come hai iniziato come artista?
Mi sono trasferito a Roma nel 2000 per studiare alla European Design School. Ho iniziato a dipingere graffiti nel 97. Quando mi sono trasferito a Roma, mi sono unito a una crew di artisti di graffiti a San Lorenzo. Abbiamo iniziato a dipingere treni e metropolitane insieme, così sono entrato nel mondo dei graffiti.


Alcuni dei tuoi lavori sono ancora visibili a San Lorenzo?

C’è ancora qualche graffito vicino a Piazza del Verano. C’è un tetto sul quale ho dipinto nel 2003 o forse nel 2004 ed è ancora lì. Si legge a fatica. Ma so che è lì. Lavoro anche a San Lorenzo in uno studio nel Pastificio Cerere. Ma io vivo qui all’ EUR.

Cosa ne pensi dell’EUR? Qualcuno del pubblico ha scritto “gentrification” [gentrificazione] sul muro pubblico qui a Fendi. È un fenomeno che hai notato all’EUR?
Il cambiamento della struttura sociale è normale. Non è niente di speciale quello che sta succedendo a Roma, perché se vai in altre città del mondo vedi esattamente la stessa cosa. Forse per alcune persone qui è speciale ma se viaggi molto e conosci altre città, vedrai che questo tipo di comportamento nella città e nella vita urbana accade in tutto il mondo. È interessante notare che questi cambiamenti avvengono nello stesso tempo e nello stesso modo in tutto il mondo.

Greg Jager Interview Les Journées Particulières Fendi 2018
Les Journées Particulières | Colosseo Quadrato, Fendi HQ, Rome
Greg Jager Interview Les Journées Particulières Fendi 2018

Spesso è ad est della città. A Londra e a New York, e anche a Roma. L’EUR non è a est, ma cose simili accadono al Pigneto e a Centocelle.
Sì, il lato orientale di ogni città è sempre creativo.

Parlami del tuo lavoro qui alla mostra di Fendi. Qual è il pezzo su cui stai lavorando?
Quello che sto facendo qui è quello che generalmente faccio. Lavoro molto sull’estetica, con forme geometriche e vettoriali. Quello che sto facendo per Fendi è esattamente quello che faccio per me stesso. Mi hanno chiesto di inserire alcuni elementi di Roma nell’opera d’arte. Mi sono ispirato all’architettura dell’EUR che è architettura razionalista, l’architettura di Mussolini, che è molto lineare e geometrica. È pulita, minimale e molto simile a quello che faccio, quindi c’è un link. Lavoro con forme astratte. Non c’è nulla di riconoscibile quando vedi la mia arte ma può creare emozioni.

Ti ispiri molto all’architettura o anche ad altri artisti?
Tutti e due. Prendo ispirazione dall’architettura moderna, come ad esempio il MACRO. Ho fatto qualcosa per la nuova apertura, che era il 1 ° ottobre. È nel foyer: 100 metri quadri di pittura. È stato ispirato dall’architettura del Macro; ho studiato il design e la palette dei colori, che aveva un sacco di neri, bianchi, rossi e grigi, che sono i colori che uso io. È molto simile a quello che faccio, ma ho reinterpretato lo spazio. Ma mi ispiro anche alla scuola del Bauhaus, anche alla scuola di design italiana del 1900. Bruno Munari è un designer che ho studiato; non è molto simile alla mia estetica, ma è un designer e artista molto intelligente, quindi a volte prendo ispirazione da lui. Le radici di questo tipo di estetica sono il costruttivismo, il costruttivismo russo, il suprematismo.

Greg Jager interview Les Journées Particulières Fendi 2018
Les Journées Particulières | Colosseo Quadrato, Fendi HQ, Rome

È diverso lavorare con i grandi marchi rispetto al lavorare con altre istituzioni o per strada?
Certo, è diverso. In genere mi piace lavorare con i marchi perché è divertente per me. I marchi di solito chiedono qualcosa di speciale per loro. Per esempio, sto mettendo un piccolo promemoria del Colosseo Quadrato nell’opera di Fendi. La tua arte deve soddisfare la commissione. E ‘normale. Puoi fare quello che vuoi per strada, ma preferisco lavorare in luoghi abbandonati, come fabbriche, per sperimentare e lavorare in pace. Dipingere illegalmente significa che devi stare molto attento e devi nasconderti e lavorare di notte. Il tipo di lavoro che sto svolgendo è un lavoro molto lento e devo concentrarmi.

È difficile qui con il pubblico che ti osserva mentre lavori?
Un po’, ma non è un grosso problema. A volte ti fanno domande e vogliono chiacchierare con te e devi stare al gioco e assecondare la gente.

Quali progetti hai in programma?
Sto lavorando molto con le gallerie che è qualcosa di nuovo per me. Dal 18 ottobre c’è una mostra collettiva a Parigi di cui faccio parte con molti altri artisti come Zest. È un progetto internazionale e sono felice di essere coinvolto. Mi piace lavorare con gallerie fuori dall’Italia perché penso che ci sia una diversa percezione dell’arte. È più commerciale e più aperto alle proposte. Dopo, voglio rilassarmi un po’. Ho lavorato molto duramente da luglio fino ad ora. Non mi sono mai fermato. Sono un po’ stanco, quindi forse dovrei fare una vacanza per Natale.

Greg Jager Metamuseo MACRO Rome
Metamuseo | MACRO Rome
Greg Jager Natura Razionale Athens Drago
Natura Razionale | Athens Street Art Festival
Greg Jager East Ex Dogana Rome Drago
East | Ex Dogana, Rome

Artist Instagram

Greg

Chiudi

A BUNCH OF PHEASANTS + CROSS THE STREETS BOXSET

  • Autore: Lucamaleonte
  • Formato: Softcover
  • Pagine: 288
  • Data di pubblicazione: 2017
  • Lingua: Inglese, Italiano
100,00
New

EX ANIMO

  • Autore: Faith XLVII
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 232
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Lingua: Inglese
50,00
New

FAITH XLVII EDIZIONE LIMITATA

  • Autore: Faith XLVII
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 232
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Lingua: Inglese
200,00

ROMA OMNIA VINCIT

  • Autore: Diamond, JBROCK
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 40
  • Data di pubblicazione: 2011
  • Lingua: Inglese
30,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *