Lifestyle, News

INNER PLANET

Sembrerebbe giusto supporre che l’idea di sistemare il mondo nel mezzo della corsia principale in un negozio di alimentari sia un po’ troppo ambiziosa per una domenica pomeriggio. Eppure questo supermercato troppo luminoso sembra davvero essere un buon posto per iniziare a vedere che né le scelte dei consumatori, né il design dei negozi – mentre prendiamo le nostre decisioni di acquisto – sono le vere linee attorno alla nostra idea del sé. Dopotutto, una cultura basata sugli aggiornamenti di Internet e i feed di notizie ha in gran parte spinto i confini del sé verso i limiti esterni del nostro perfetto post per immagini, in modo tale che il mondo circondi realmente il feedback intorno a noi stessi mentre fissiamo un barattolo di miele chiedendoci se acquistare il tipo locale o il manuka.

Il fatto che noi esistiamo simultaneamente al di fuori del perimetro delle nostre scelte di consumatori, e che il taglio di jeans che acquistiamo non possa contenere i limiti di un sé individuato – che è ora virtualizzato da una cultura basata su Internet e sui social media – viene capitalizzato da un team di pensatori avanzati.

InnerPlanet è un’app che si basa sul modello della figura del tipo di consumatore individuato, l’individuo che si pone come il prodotto di un’economia in crescita fortemente egocentrica e rende questa la risposta a tutti i suoi problemi. L’app cerca di darci un modo accessibile per tracciare il nostro impatto sul pianeta, consentendo agli utenti di registrare la propria impronta di carbonio e di vederla impressa in tutto il mondo.

Se il mio comportamento fosse standardizzato, quale sarebbe l’impatto sulla temperatura globale? Sull’innalzamento del livello del mare? Attraverso l’app, la sensazione di essere vitali in un nuovo paio di jeans o in un post su Internet altamente condiviso viene spinta alle estremità del mondo quando iniziamo a vedere che il nostro impatto sul carbonio non esiste come un tipo di isolante, una preoccupazione del sé solitario, ma che esiste su scala globale. Quale sarebbe l’effetto se tutti si comportassero in questo modo?

Ascoltare queste idee comunicate attraverso uno dei principali collaboratori di questo progetto, Marion Grahek, ci dà il senso di un approccio olistico al cambiamento, in cui non aspettiamo che il cambiamento arrivi dall’alto, né lo spingiamo dal basso, ma che siamo noi a costruire i meccanismi mentali per il cambiamento nella nostra infrastruttura di nozioni globali del sé.

Marion è una donna con una forte idea attorno all’idea dell’importanza del nostro impatto. Questa è l’idea che ognuna delle nostre scelte quotidiane, siano esse dietetiche, linguistiche o legate ai viaggi, abbia una conseguenza che è solo nostra. E questo perché non siamo isolati, non siamo autonomi. Eppure, in realtà, la vera nuova moneta del mondo in senso capitalistico ed economico, sono i dati. Le nostre informazioni vengono raccolte in termini di comportamento online, acquisti, tendenze di viaggio e stile di vita, a un ritmo allarmante.

E InnerPlanet non sta nemmeno cercando di combattere contro questo, ma sta cercando di lavorare con questa idea di raccolta dati. Quanto sarebbe facile l’uso dell’app InnerPlanet, se invece di registrare manualmente il nostro consumo di carbonio, i voli o gli acquisti, l’app fosse in grado di monitorare questo per noi?

Quindi, ovviamente, il potenziale è vasto, e tuttavia necessita di investimenti, ricerca e collaborazione di persone che la pensano allo stesso modo e che vogliono portare questa idea di responsabilità globale sugli schermi dei nostri smartphone. E nella nostra coscienza quotidiana.

In definitiva, Marion è pienamente consapevole del fatto che qualsiasi app che monitorizzi l’impatto ambientale non possa darci il quadro completo – dopo tutto – l’impatto dell’acquisto di carne in un’azienda agricola, ha anche un impatto sul carbonio, un impatto sull’uso dell’acqua, una perdita dell’impatto della foresta pluviale; l’impatto stesso non è isolato ma un’interrelazione. Si tratta di interrelazioni.

Questo è anche il motivo per cui Innerplanet è appassionato dell’uso della rete e della raccolta sociale come mezzo per lo sviluppo di app. Tra il 25 e il 27 ottobre Innerplanet ospiterà la terza Climathon di Londra, un evento che sarà anche oscurato da eventi simili negli Stati Uniti. Il 28 ottobre sarà il primo “Giorno dell’Interdipendenza”, un nome stesso che gioca sull’idea che la nostra stessa libertà di tendenze distruttive globali, l’economia che è cresciuta nell’autoidentificazione come parte di un’economia in crescita, sarà solo superata da un riconoscimento di sé e dall’individuazione di un modo che è interamente legato agli altri. Globale nelle sue proporzioni.

Il nome dell’app stessa ci dice questo; InnerPlanet. Stiamo lavorando per la salute interiore di tutti qui, non solo del nostro pianeta ma anche di noi stessi e della nostra coscienza. Eppure non è proprio un “InnerPlanet”, ma un’interplanet che l’app ci offre; la sensazione che tutti noi siamo correlati. Tutti i rimedi della nostra individualità si spingono verso il mondo. La nostra società sta diventando interconnessa, interrelata, interdipendente e noi stessi interresponsabili.

Ciò che l’app offre essenzialmente è la possibilità di ampliare le nostre azioni quotidiane. E questa è la sua genialità. Globalizza la nostra auto-concezione e individuazione miope, dandoci così un approccio olistico al cambiamento planetario e aiutandoci a lavorare in collaborazione con un’economia globale che non cambierà abbastanza velocemente da sola.

La scelta ora è vivere come se tutto fosse davvero importante. Trasformare quel momento in cui ci troviamo al supermercato e acquistiamo una scatola di carote, o reggiamo una mela, e vediamo che questo è davvero un “inter” e non un anti-movimento. Considerando che siamo stati rapidamente individuati come parte di un’economia in crescita, ora siamo inter-individuati. Perché nell’atto di consumare, siamo un individuo collettivizzato, contiamo e le scelte dei nostri consumatori contano.

La nostra azione è collettivizzata e il sé individuale funge da nodo per tutti gli interessi delle grandi imprese, dell’economia, dell’autopromozione e della felicità individuale, fattori che si uniscono quando vediamo che importa davvero quale prodotto scegliamo di acquistare. Questo non importa perché cerchiamo di essere individuati attraverso una cultura consumistica e capitalista, ma perché ora vediamo l’individuazione che ci ha dato, quella sensazione di separazione che ha guidato le vendite, come prerequisito per un movimento ambientale globale che insegna all’individuo come le azioni siano in effetti globali.

-14%New

CRASH KID | A HIP HOP LEGACY

  • Autore: Napal & Ben Matundu
  • Formato: Softcover
  • Pagine: 320
  • Data di pubblicazione: 2019
  • Lingua: Inglese, Italiano
70,00 60,00
New

EX ANIMO

  • Autore: Faith XLVII
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 232
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Lingua: Inglese
50,00
New

FUTURA 2000 FULL FRAME

  • Autore: Futura 2000, Magda Danysz, Vittorio Parisi
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 242
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Lingua: Inglese
60,00
New
This Is Los Angeles cover by Estevan Oriol Drago Publisher

THIS IS LOS ANGELES

  • Autore: Estevan Oriol
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 224
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Lingua: Inglese
80,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *