Eventi, News

ARTEFICI DEL NOSTRO TEMPO || ANCHE UN PREMIO PER LA STREET ART

Il 24 aprile dopo una lunga selezione, la giura ha decretato i vincitori del progetto "Artefici del Nostro Tempo".

Dal 14 giugno 2019 al 24 novembre 2019 | Centro Culturale Candiani e Forte Marghera, Venezia

L’8 febbraio 2019 il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha incoraggiato la nascita di una nuova iniziativa dedicata agli artisti emergenti dai 18 ai 35 anni dal nome “Artefici del Nostro Tempo”. Questa iniziativa ha avuto come obiettivo quello di trasformarsi in un modo per non rimanere ancorati a un retaggio culturale artistico che talvolta intimidisce i nuovi spunti creativi e per spronare l’istinto artistico con la promessa che esso non rimarrà ignorato. La realizzazione del progetto ha visto protagonista in primis il Comune di Venezia con la collaborazione di diverse altre realtà come la Fondazione Musei Civici di Venezia, il Padiglione Venezia della Biennale, la Fondazione Teatro La Fenice, la Fondazione Forte Marghera, il Centro Culturale Candiani, la Biblioteca VEZ Mestre, Hybrid Music, le Istituzioni Bevilacqua La Masa, il Bosco e Grandi Parchi e i Centri di Soggiorno.

Il progetto “Artefici del Nostro Tempo” ha deciso di rimanere coerente con la linea della 58° Edizione della Biennale Arti Visive  – così da avere un’attinenza al concept che caratterizzerà per qualche mese la città della Laguna, “May You Live in Interesting Time”. Terminato il periodo servito per la selezione degli artisti emergenti e per i quali una selezionatissima giuria ha votato per la candidatura alla premiazione tra i numerosi partecipanti al bando (161 per la poesia visiva, 76 per la street art, 1286 per la pittura, 77 per i video clip musicali, 98 per il fumetto e 694 per la fotografia), mercoledì 24 aprile è stato annunciato il vincitore per ciascuna categoria.

Il 24 aprile è quindi volta al termine questa prima sperimentazione di artisticità contemporanea che ha inaugurato la mostra alla Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Venezia con le opere dei tre classificati per ognuna delle sei sezioni proposte. Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, il direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia Gabriella Belli, e la curatrice del Padiglione Venezia Giovanna Zabotti hanno presenziato alla premiazione, intervenendo attivamente all’evento e stimolando l’idea di incentivare i giovani talenti e rafforzare qualunque espressione d’arte che possa essere strumento per la concretizzazione di uno stimolo creativo. I primi premi sono stati aggiudicati rispettivamente a: Gloria Maria Gorreri per il videoclip musicale “Mostarda”; Emanuele Simoncini per il fumetto “Il regalo”; Gabriele Siniscalco per il dipinto “1.68 ricordo su misura”; Valeria Annunziata Salvo per la fotografia “Il tempo dell’analisi”; Alessandro Durso per la poesia visiva “Aversa FS – Poesia di Giovanni Vanacore” e Gioele Bertin per l’opera di Street art “Wait”. Drago, invitato dall’organizzazione di “Artefici del Nostro Tempo” in veste di giudice per la sezione Street Art, ha assistito con piacere alla vittoria di un giovane emergente che ha realizzato un’opera di gusto contemporaneo e con una carica storica che si è intravista nella rappresentazione trina dell’immagine, in quanto il soggetto in Wait è dipinto nello stesso spazio con tre pose, atte a dare la percezione del movimento dell’attesa.

Gioele Bertin, The Wait

Una raffigurazione di moto che potrebbe ammiccare ad un Dinamismo di un cane al guinzaglio di Balla. Nell’attualità ritratta da Gioele Bertin, l’artista racconta come l’opera vincitrice nasca da “una ricerca che mira da sempre ad unire le tecniche più classiche del writing a un uso più materica dei colori tramite rulli e altri strumenti che ci costruiamo all’occorrenza”. Un’attesa che viene visualizzata da Bertin durante un pomeriggio di pioggia e che si sviluppa con duplice natura di lasciarsi abbattere da qualcosa che non arriva, e l’incoraggiamento a proseguire.

Le opere che hanno ricevuto il primo premio saranno esposte, come ha spiegato Giovanna Zabotti, “dal 15 giugno a rotazione, ogni 15 giorni, anche al Padiglione Venezia, nel corso della 58esima Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia, mentre tutte le 60 finaliste saranno visibili a Mestre a partire dal 14 giugno, sempre fino al 24 novembre, tra il Centro Culturale Candiani e Forte Marghera (qui in particolare le 10 opere di Street Art, per gli spazi disponibili che consentiranno proiezioni e applicazioni su supporti diversi). Ai primi tre classificati del concorso è andato inoltre un contributo pari a 3mila, 2mila e mille euro.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *