Beyoncé, Jay z, the carters, louvre musum, hip hop
News

APESHIT: A LEZIONE D’ARTE CON BEYONCÉ E JAY Z

Si è definitivamente abbattuto il confine fra cultura alta e intrattenimento per le masse, fra prodotto commerciale e nicchia per una qualsivoglia elite. Il pozzo di ricchezza che si è rivelato da anni il mondo dell’Hip Hop e tutti i più o meno nuovo personaggi che lo popolano rivela nuovamente la sua potenza dirompente quando si avvicina al mondo dell’arte più o meno ufficiale, dimostrando che sì, il pubblico si appiattisce e accetta tutto ciò che gli viene presentato, ma se il bello viene messo a portata di tutti allora esso vince. E vince a mani basse.

Il museo Louvre di Parigi, è riuscito in un solo anno ad aumentare del 25% il numero dei suoi visitatori, raggiungendo la vetta di 10,2 milioni di biglietti staccati. Possibile? Assolutamente si.

Una grande, grande fetta di pubblico e di interesse deriva dall’intervento a sorpresa dei Carter’s che ha deciso di girare “Apeshit” uno dei loro ultimi video, proprio all’interno del museo francese.

Per chi non lo sapesse i Carter (questo è il nome di famiglia con cui hanno firmato il loro primo album, “Everything is love”) sono proprio Jay Z e Beyoncé, idoli Hip Hop e sommovitori di masse in tutto il globo terrestre, la “coppia che scoppia”, il duo campione di incassi su qualsiasi piattaforma online, che riempie gli stadi di tutto il mondo e può avere successo sia sul crowfunding per salvare gli oceani che sul lancio di un nuovo artista sul mercato.

Tra la Nike di Samotracia, e la La Gioconda di Leonardo Da Vinci, passando per L’incoronazione di Napoleone di Jacques-Louis David alla “Sfinge di Tanis”, la coppia Jay Z e Beyoncé si muove per più di sei minuti, assieme a un sinuoso corpo di ballo il cui stile richiama da solo molto le installazioni dell’artista Vanessa Beecroft, tra le bellezze del museo purtroppo a volte troppo spesso dimenticate dalla generazione dei Millennials che va a cercare punti di riferimento altrove, magari nei piccoli schermi dei propri smartphone invece di scoprire le bellezze che li circondano.

Beyoncé, Jay z, the carters, louvre musum, venus de milo, hip hop

Beyoncé and Jay Z davanti alla “Venere Di Milo”

Ballando fra le meraviglie come Madame Récamer di Jacques-Louis David, o la notissima Venere di Milo. Ma c’è da notare anche che Jay Z si riserva una magnifica inquadratura di fronte alla Zattera della Medusa di Théodore Géricault (1918, forse per ricordare il tema dell’immigrazione, tanto caro alla coppia paladina dei diritti delle minoranze) e al “Ritratto di Donna Nera”, dipinto da Marie-Guillemine Benoist nel 1800, considerato dai più un manifesto femminista e dell’emancipazione dei neri.

Capito, boomers? Non disdegnate il nuovo, e sappiate vendere bene le vostre origini. Questo è il consiglio, a quanto pare, di chi di consigli ne ha da dare.

jay z, the raft of the medusa, louvre museum, hip hop

Jay Z di fronte alla “Zattera della Medusa”

CRASH KID | A HIP HOP LEGACY

  • Autore: Napal & Ben Matundu
  • Formato: Softcover
  • Pagine: 320
  • Data di pubblicazione: 2019
  • Lingua: Inglese, Italiano
70,00

CROSSROADS

  • Autore: Alice Pasquini
  • Formato: Softcover
  • Pagine: 324
  • Data di pubblicazione: Dicembre 2019
  • Lingua: Inglese, Italiano
70,00

THE STREET IS WATCHING

  • Autore: Artisti Vari
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 440
  • Data di pubblicazione: Maggio 2017
  • Lingua: Inglese
100,00

THIS IS LOS ANGELES

  • Autore: Estevan Oriol
  • Formato: Hardcover
  • Pagine: 224
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Lingua: Inglese
80,00

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *